sabato 2 gennaio 2016

Le memorie di Pre' Michele - Facezie e ricette di un prete goloso


Inizia con questo primo libro una serie di divertimenti letterari in cui Paolo Morganti utilizza un personaggio dei suoi romanzi e racconta un po’ della sua vita, esulando però dai gialli e dai romanzi che normalmente popolano la sua vita letteraria.

E’ questa l’occasione per redigere un diario gastronomico a Pré Michele, uno dei protagonisti più amati dei suoi libri ambientati nel 1500, cogliendo l’occasione per raccontare ricette della Carnia e venete.

Il pievano, smessi i panni d'investigatore dell'occulto, si è dedicato alla scrittura e mette nero su bianco, sé stesso.

Pre' Michele è stato mandato dal Vescovo in Carnia ufficialmente per sostituire il prete del paese. Ufficiosamente si trova là in punizione per il suo peccato di gola.

Il prete, lontano dall'amico speziale Martino trova il tempo per iniziare a scrivere un primo diario, in cui racconta al Buon Dio e all'angelo custode la sua vita presente e passata.

È un diario che gli assomiglia: scrive di cibo, filosofeggia sulla vita, offre pillole di sacra saggezza cristiana e racconta, come in uso nel Rinascimento, brevi facezie, spiritose e dense di morale.

Questo primo diario, secondo quanto ci racconta nella seconda di copertina, ritrovato da Paolo Morganti nella soffitta della parrocchia e da lui rivisto e corretto.

venerdì 1 gennaio 2016

Amori, crimini e una torta al cioccolato


Bassina, morbida (forse un po' troppo morbida nei punti sbagliati), Tannie Maria è una donna pratica in puro stile afrikaans, ma è soprattutto ironica, tenera, saggia.

Unisce a un robusto appetito il dono di saper cucinare piatti irresistibili.

Dal suo angolo di Sudafrica, da anni è la seguitissima voce della rubrica di ricette sul giornale locale, The Karoo Gazette. La chiamano Tannie, zia, in segno di rispetto per la sua esperienza e, proprio in virtù di questa esperienza le viene chiesto dalla direzione del giornale di passare a occuparsi di problemi di cuore.

Accetta dapprima controvoglia, non sentendosi all'altezza (diciamo che l'autostima non è il suo forte, e il suo passato sentimentale, con un marito ben poco amorevole, non è un ottimo biglietto da visita), ma scopre ben presto che a ogni pena d'amore corrisponde una cura, e spesso anche la giusta ricetta. Fino a quando, tra le tante lettere di affezionati lettori, ne arriva una che la coinvolge più delle altre, una donna fragile e ferita, in fuga da un matrimonio che è diventato un incubo.

Non ci sono ricette semplici per lei, ma Tannie Maria non si sarebbe mai aspettata di dover indagare addirittura su un caso di omicidio. Con la sua giovane e ardimentosa collega Jessie "la ragazza con il geco tatuato", si metterà in testa di affiancare la polizia sulle tracce di un assassino. E nessuno, neanche il bel detective Henk Kannemeyer, che la vorrebbe ardentemente fuori dalle indagini, riuscirà a fermarla.

Primo romanzo di Sally Andrew che divide il suo tempo tra Muizenberg, Cape Town e la riserva naturale di Ladismith, nella regione del Klein Karoo, dove vive con il suo compagno e vari animali, tra cui un leopardo e un orice, ha al suo attivo alcuni saggi di argomento pedagogico e ambientalistico.




buzzoole code